eventi

50 sfumature di cacao: aperitivo romantico di San Valentino

San Valentino si avvicina e noi, grazie a Gianfranco Allari e S. Martino, vi proponiamo alcune ricette per un aperitivo romantico.

Leggenda narra che Montezuma, sovrano degli Atzechi, prima di andare ad incontrare una delle sue molte mogli, bevesse tante tazze di cioccolato (nota 1). Già allora i frutti dell’albero del cacao avevano la nomea di essere afrodisiaci e la piana era considerata sacra, tanto che nelle piantagioni i raccoglitori di cacao non potevano avere rapporti sessuali nei tredici giorni di raccolta.

aperitivo romantico san valentino gianfranco allari s. martino eventi dal toscano cacao

L’Europa benpensante inizialmente aveva paura del cacao: i missionari al seguito del condottiero spagnolo Hernán Cortés lo consideravano una droga che spingeva alla sessualità. Il cacao in Europa venne quindi “addolcito” con sostanze come lo zucchero, il latte e la cannella allo scopo di smorzarne gli effetti “peccaminosi”. Nel frattempo Montezuma continuava a berlo con peperoncino e altri ingredienti sostanze eccitanti.

Il cacao è ancora oggi considerato un alimento afrodisiaco e se volete approfondire l’argomento dal punto di vista scientifico vi rimandiamo a un bellissimo articolo divulgativo del Dott. Vincenzo Mirone, ordinario di Urologia dell’Università Federico II di Napoli, dal titolo “MONTEZUMA, IL CIOCCOLATO E LA SESSUALITÀ“.

aperitivo romantico san valentino gianfranco allari s. martino eventi dal toscano cacao

Qui  però ci occupiamo di cibo e visto che San Valentino si sta avvicinando, vogliamo proporvi alcune ricette per un insolito aperitivo romantico a base di cacao. Se come noi non festeggiate questa ricorrenza, segnatevi le ricette e rispolveratele alla prima cena romantica, è importante dedicare tempo alla coppia e alla persona amata :)

aperitivo romantico san valentino gianfranco allari s. martino eventi dal toscano cacao

Le ricette che pubblicheremo questa settimana le ha preparate il maestro di cucina Gianfranco Allari all’evento “50 sfumature di cacao” presso il centro casalinghi Dal Toscano e in collaborazione con l’azienda S. Martino, che produce uno dei nostri cacao preferiti. A differenza della maggior parte di quelli che si trovano in commercio non colora soltanto, ma conferisce un buon sapore a biscotti, torte e – perché no – anche a qualche piatto salato, come quelli che ha preparato Gianfranco.

aperitivo romantico san valentino gianfranco allari s. martino eventi dal toscano cacao

Un buon cacao si differenzia per varietà della pianta, per come sono stati effettuati fermentazione ed essiccazione, per la percentuale di burro di cacao presente e per come è stato conservato. Questi fattori ne influenzano gusto, aroma e colore.

La percentuale di burro di cacao la ritroviamo in etichetta e può guidarci all’acquisto di un buon prodotto. Più è alta la percentuale di burro di cacao più il cacao si definisce buono, pregiato, indicato per dolci di alta pasticceria. Il cacao S. Martino ha una percentuale di cacao del 22-24%, che è un’ottima quantità. Oltre a influenzare il sapore, assorbe anche meno acqua rispetto a un cacao di qualità inferiore. Ne parla Massari in Non solo zucchero, vol.1: il cacao in polvere poco ricco di grassi assorbe tre volte più acqua della farina, mentre un cacao in polvere con percentuali del 18-20% di burro di cacao assorbe il doppio dei liquidi, motivo per cui non si può sostituire in grosse percentuali alla farina.

aperitivo romantico san valentino gianfranco allari s. martino eventi dal toscano cacao

Gianfranco ha colto appieno la sfida delle “50 sfumature di cacao” pensando a ricette fattibili, buone e che si possano preparare in anticipo; ha aggiunto altri ingredienti “afrodisiaci”: crostacei, asparagi, frutta secca, frutti di bosco e banane.

aperitivo romantico san valentino gianfranco allari s. martino eventi dal toscano cacao

Per l’aperitivo romantico di San Valentino, Gianfranco ha preparato:

Mentre aspettate le ricette, potete andarvi a rileggere l’intervista con S. Martino per capire come si produce il cacao e da cosa si riconosce un buon prodotto o potete farvi un giro del mondo del cioccolato.

Vi aspettiamo qui domani per la prima ricetta!

aperitivo romantico san valentino gianfranco allari s. martino eventi dal toscano cacao


nota 1: Probabilmente la bevanda consumata da Montezuma era la XOCOATL (in atzeco “acqua amara”): il cacao era tostato, macinato, mescolato con acqua e sbattuto fino a diventare spumoso, poi aromatizzato con vaniglia, peperoncino e pepe. Si poteva bere calda o fredda e talvolta venivano aggiunti altri ingredienti. Altri modi di preparazione combinavano il cioccolato con la farina di mais ed il miele.

 

4496 amici sono stati qui 1 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

2 commenti

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

La sfida più bella del web!

La sfida più bella del web!

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

  facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: