viaggi

B.Well: salute e benessere a 360 gradi

Chi l’ha detto che la cucina salutare deve essere triste? Scommettiamo che se mettiamo insieme uno chef con la sua brigata, una nutrizionista e un cardiologo riusciamo ad avere un menù da 5 stelle che fa anche bene? B.Well è proprio questo! Un progetto di salute e benessere voluto dallo staff dell’Hotel Bristol Buja di Abano Terme (PD), volto a migliorare l’esperienza di benessere del soggiorno termale attraverso l’insegnamento di uno stile di vita attivo e una corretta alimentazione. Il progetto B.Well non vuole essere una semplice parentesi ma un primo passo verso il cambiamento, un’esperienza che lascia degli insegnamenti che possiamo applicare anche nella vita di tutti i giorni.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Il comprensorio termale di Abano e l’Hotel Bristol Buja offrono tutte le possibilità di iniziare uno stile di vita adeguato e curare il nostro essere a livello olistico:

  • strutture accoglienti
  • acque termali
  • fanghi
  • possibilità di staccare con la realtà
  • corretta alimentazione che include anche le prelibatezze del territorio, ma senza eccessi
  • movimento (passeggiate, pilates, ecc.)

Il tutto senza imposizioni e privazioni, altrimenti non riusciremmo a fare nostro questo stile di vita e a proseguirlo una volta tornati a casa.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Assieme a servizi più tradizionale come i fanghi e le acque termali, si vuole promuovere anche aspetti nuovi, come il territorio con i suoi prodotti e l’alimentazione. Quest’ultimo aspetto, innovativo ed esclusivo, è stato ideato dall’Hotel Bristol Buja insieme alla Dr.ssa Maria Teresa Nardi dello IOV (Istituto Oncologico Veneto) e al cardiologo Dott. Gianfranco Buja ed articolato in un menù completo (antipasto, primo, secondo e dessert) per 14 giorni, con 4 portate per il pranzo (antipasto, primo, secondo e dessert) e 4 per la cena; alla faccia delle privazioni!

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Il menù B.Well non vuole essere una dieta (nel senso comune del termine), ma fornire indicazioni su come mangiare bene senza strafare, seguendo da una parte la natura e dall’altra la tradizione culinaria; una rieducazione alimentare che parte dalla vacanza e rimane con noi tutto l’anno. B.Well è la cucina dello star bene, che prevede il consumo limitato di certi alimenti in favore di altri.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Com’è nato

Il menù è stato prima pensato dallo chef dell’Hotel, Claudio Crivellaro e sottoposto a una serie di verifiche da parte della dr.ssa Nardi e del dott. Buja, che lo hanno stravolto, chiedendo a Claudio in primis di fare alcuni tagli:

  • ridurre la carne a 2 volte a settimana;
  • mangiare il pesce 2 a volte a settimana.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Il menù si basa infatti principalmente su verdura e cereali e i “paletti” imposti dai due medici hanno portato a una maggiore varietà di alimenti inseriti nel menù, aggiungendo ingrediente assenti dalla cucina tradizionale (bulgur, quinoa, amaranto, ecc…) per compensare la mancanza di carne e pesce: alla fine quella che si poteva leggere come una limitazione, si è trasformata in ricchezza di sapori e varietà di alimenti, a tutto vantaggio dei clienti! Una piccola concessione è stata fatta anche ai salumi, inserendo due fette di culatello a settimana.

Taglia di qui, taglia di là, cuci, incolla… alla fine è nato il menù B.Well.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Nel ristorante del Bristo Buja il menù B.Well non viene ovviamente imposto ma consigliato, soprattutto per le lunghe permanenze. I clienti possono quindi scegliere tra:

  • il menù del giorno
  • il menù B.Well
  • il menù alla carta con piatti sempre presenti

La sperimentazione è cominciata a marzo 2015 e i piatti del menù B.Well rappresentano circa il 20% delle scelte (non tutti prendono il menù per intero, alcuni spaziano tra i vari menù, combinando i piatti a piacere) ed è quello che, a detta del personale, ha la miglior recensione su TripAdvisor e il trend è in crescita.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Il menù è suggerito non solo dal personale di sala ma anche dal medico dell’hotel in occasione della visita medica all’inizio del soggiorno.

Altri punti saldi della cucina B.Well sono il ricorso a molti alimenti biologici, la riduzione del quantitativo di sale (anche nel pane), un maggior uso delle spezie, l’uso di farine semiintegrali. Gli ingredienti base vengono valorizzati e per questo sono trattati il meno possibile. Anche la colazione ha una sezione B.Well, con centrifugati di frutta sapientemente abbinati, cereali, yogurt, latte, frutta e vari pani integrali con semi.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Personalmente abbiamo apprezzato la chicca di trovare nel menù consegnatoci al tavolo ad ogni pasto, una scheda contenente una ricetta B.Well che il cliente può portarsi a casa per replicarla. Di questo progetto, infatti, è parte integrante il libro che raccoglie tutto il ricettario messo a punto e studiato per essere replicato con gli strumenti di casa; una ghiotta occasione all’abbordabilissimo prezzo di copertina di soli cinque euro.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

La nostra esperienza

Da giovani liberi professionisti, sono rivestita di stress e quando abbiamo scoperto le terme, ce ne siamo innamorati. La nostra permanenza è stata di un weekend lungo, tempo non sufficiente per ricaricare al meglio le batterie, ma ce lo siamo fatti bastare! I tre giorni in cui siamo stati ospiti del Bristol Buja di Abano ci hanno davvero permesso di prenderci cura di noi stessi, cosa che non si mai il tempo di fare, dimenticando computer, telefoni e orologi e riappropriandoci del nostro tempo.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Non fumo e cerco di seguire un’alimentazione più sana e corretta possibile, anche se, nei momenti di maggiore stress, diventa molto difficile – soprattutto per una golosa come me – e ogni freno inibitore cade! Mi propongo anche di fare un’oretta di attività fisica tre volte a settimana, ma il proposito regge solo nei momenti meno incasinati (pochi, troppo pochi)…

Un menù come il B.Well aiuta a reintrodurre come prassi certi comportamenti, in particolare l’attività fisica e l’alimentazione, ricordandoci che si possono mangiare piatti buonissimi riducendo calorie, grassi, zuccheri e sale. Fa scoprire o riscoprire alimenti poco diffusi, come la quinoa o l’amaranto.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Noi abbiamo spento il cellulare appena arrivati, e lo abbiamo riacceso alla partenza, abbiamo affogato tutti i pensieri pesanti nel primo bagno in acqua termale (per chi pensa di annegare i propri problemi nell’alcool si sbaglia, funziona molto meglio l’acqua termale!) e ci siamo dedicati ai fanghi e al pilates, riscoprendo i benefici che una corretta postura regala.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Abbiamo gustato i deliziosi piatti dello chef Claudio Crivellaro e della sua brigata che, per quanto mi riguarda, non mancavano di nulla: belli, buoni e leggeri. Per curiosità e interesse, abbiamo sempre scelto questo menù ai pasti, e siamo stati conquistati soprattutto da tre piatti: i tortelli black&white al branzino (ai quali secondo LUI mancava solo una nota agrumata per essere perfetti, Claudio ci perdonerà la sfrontatezza!), la guancetta di vitello (spettacolare!) e le tagliatelle di seppia.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

Un bicchiere di vino rosso a pranzo lo consigliano anche i dottori e non ci siamo fatti mancare nemmeno quello, così come un buon sonno ristoratore e una veloce escursione sui colli euganei (con finale in cantina!). Una breve vacanza che ci ha fatto stare bene sotto tutti i punti di vista.

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

PS: adesso che siete arrivati in fondo, vi possiamo dire che in realtà non eravamo soli in questa esperienza, il che l’ha resa ancora più interessante e stimolante. Vogliamo quindi ringraziare: l’AIFB – Associazione Italiana Food Blogger, nelle persone di Anna Maria Pellegrino e Patrizia Malomo, e Elisa e Jean-Marc di INARTIS per l’occasione che ci hanno concesso; lo chef Claudio Crivellaro per la professionalità e soprattutto la disponibilità e la simpatia; il personale del Bristol Buja che ci ha ospitati e coccolati e, last but not least, tutte le amiche foodblogger che hanno condiviso con noi questa bellissima esperienza!

salute e benessere hotel bristol buja abano terme claudio crivellaro b.well

1690 amici sono stati qui 1 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

Aggiungi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

  facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: