ricette riconoscimenti

Degustazione di gamberi rossi e scampi

Oggi postiamo la ricetta con cui abbiamo partecipato al contest di Magnabook “La cucina: la mia isola felice”. Non potremmo essere piú felici di postare questa ricetta in versione integrale: volevamo aspettare che fosse chiuso il contest, ma mai ci saremmo aspettati di posizionarci tra i vincitori.

DSC_0452

Una grandissima soddisfazione personale, con un commento alla nostra ricetta da parte della giuria che mi ha fatto quasi venire la lacrimuccia (e ancora non riesco a crederci che quelle bellissime parole siano riferite a una nostra ricetta!!), tantissimi complimenti arrivati, insomma… una gran bella soddisfazione… senza dimenticarci il fantastico cesto di prodotti sardi in arrivo per noi, offerto dallo sponsor Tipicamente Sardo. Approfittiamo di questo post per ringraziare nuovamente lo staff di Magnabook che ha svolto il contest confermando grande serietá, e complimentarci per tutte le ricette arrivate, vincitrici e non.

In particolare volevamo raccontarvi un aneddoto sul “dietro i fornelli”: non appena io e LUI abbiamo visto gli ingredienti della mistery box, i nostri occhi sono caduti sugli stessi ingredienti, poi abbiamo iniziato a combinarli mettendo insieme le idee di entrambi, con un affinamento progressivo. A voi solitamente arriva la ricetta finita, la fotografia dell’insieme, ma il lavoro di ideazione è spesso una delle parti più piacevoli, soprattutto quando avviene a quattro mani. Così come l’ideazione: io sono veloce e multitasking ma spesso troppo imprecisa, mentre LUI con calma e pazienza taglia i pezzettini tutti grandi uguali oppure rigorosamente squadrati.

Per chi non lo sapesse, il contest di Magnabook si svolgeva come una mistery box di Masterchef, e gli ingredienti che avevamo a disposizione erano lime, radice di zenzero fresco, riso (solo vialone nano, venere o carnaroli), un pesce a scelta tra: Cernia e Ricciola, calamarata o paccheri-mezzi paccheri o spaghetti, gamberoni rossi, scampi, prosecco Brut, cipolla rossa o bianca, anguria, panna fresca di latte, pomodori datterini, farina kamut, fagioli cannellini, yogurt greco, frutti di bosco a scelta tra fragole, lamponi, mirtilli o ciliegie, zucchero di canna e guanciale. In realtá, oltre a ingredienti base come olio e sale, potevamo aggiungere ingredienti a nostra scelta, ma visto che i limiti ci piacciono (spessono impongono scelte piú creative) abbiamo cercato di utilizzare principalmente gli ingredienti dati.

Detto questo passiamo alla ricetta, e se l’avete già letta sul sito di Magnabook, gustatevi con gli occhi le fotografie!! (Anche perchè come al solito il regolamento l’avevamo letto un po’ di corsa, e abbiamo capito solo nel momento della pubblicazione della ricetta che si poteva inserire una sola fotografia!!).

Degustazione di gamberi rossi e scampi

senza glutine_smalloksenza latticini_smalloksenza lievito_smalloksenza uova_smallok

DSC_0419

Il piatto è composto da una serie di assaggi cotti e crudi da condividere, ed è preferibile gustarlo partendo dai più delicati per arrivare a quelli più saporiti, il tutto accompagnato da un drink fresco e aromatico. La degustazione è gluten-free e dairy-free e, crocchette a parte, si tratta di ricette senza uova e abbastanza leggere.

Ingredienti dalla mistery box:

  • 13 gamberi rossi (Puglia)
  • 2 scampi (Puglia)
  • 100 g di riso Venere
  • 100 g di pomodori datterini
  • 2 lime
  • zenzero fresco
  • zucchero di canna
  • prosecco brut
  • lamponi
  • olio di semi
  • olio e.v.o.
  • sale e pepe
  • peperoncino

altri ingredienti:

  • 25 g di spaghetti di riso
  • 1 uovo (per le crocchette)
  • qualche grammo di agar-agar
  • pangrattato (ne esistono anche versioni gluten-free, ci serve per le crocchette)
  • prezzemolo
  • basilico

Preparazione delle basi

La sera precedente preparate del ghiaccio e mettete nel congelatore circa 200 ml di prosecco brut versato in un contenitore basso e largo.

DSC_0304

Il riso, i gamberi e gli scampi

Pulite i gamberi levando la testa (ma non buttatela!), il carapace e l’intestino. A due gamberi lasciate la codina, per farlo non dovete levare l’ultima sezione del carapace. Cuocete il riso venere in acqua bollente salata con le teste dei gamberi rossi.

A metà cottura sistemate sopra la pentola, il cestello per la cottura a vapore e disponetevi all’interno 8 dei gamberi che avete pulito (gli altri è meglio tenerli in frigorifero) e fateli cuocere per circa 5 minuti. Ripetete l’operazione con gli scampi interi, cuocendoli per circa 10 minuti.

Poco prima che il riso sia cotto levate le teste dei gamberi dalla pentola (che potete poi succhiarvi con calma, sono molto saporite!).

Scolate il riso e cominciate a formare dei cubetti, o altre forme che preferite, utilizzando gli stampini per i biscotti. Il riso venere “lega” poco quindi compattatelo bene e lasciatelo raffreddare nelle forme così da renderlo il più compatto possibile.

Ora tagliate a metà un pomodorino, svuotatelo e riempitelo con il riso venere.
Il riso rimasto va marinato: spremete un lime, aggiungete lo zenzero fresco grattugiato e lo zucchero di canna. Il sapore deve essere bilanciato, quindi aggiustate di zucchero e zenzero finché non vi piacerà. Versate sul riso, mescolate bene e lasciate marinare.

DSC_0322

I pomodorini

Mettete in una padella con un filo d’olio evo i pomodorini rimasti e fate cuocere a fuoco vivo per un paio di minuti, mescolate e coprite. Quando cominciano a cuocere rompete bene i pomodorini con cucchiaio di legno e lasciateli ancora un po’ sul fuoco per far addensare la salsa.

Aggiungete il peperoncino e con un frullatore a immersione passate il tutto così da ottenere una crema. A questo punto levate la salsa lasciandone solo un paio di cucchiai nella padella a cui aggiungerete una punta di cucchiaino di agar-agar e porterete a bollore. Spegnete, versatene uno strato sul fondo dei piattini che servirete e lasciate raffreddare.

DSC_0309

Gli spaghetti di riso

Portate a bollore un pentolino d’acqua, spegnete, buttate gli spaghetti di riso, coprite e lasciateli a cuocere per il tempo indicato sulla confezione. Nel frattempo infilzate tre gamberi crudi su uno spiedino di bambù. Scolate gli spaghetti e passateli sotto l’acqua fredda per fermare la cottura.

Avvolgete bene pochi spaghetti per volta attorno ai gamberi. Gli spaghetti rimasti conditeli con un po’ di salsa di pomodorini e metteteli da parte perché vi serviranno più avanti.

DSC_0296

Il caviale di lamponi

Riempite d’olio di semi un bicchiere e mettetelo in congelatore per circa 40 minuti. Frullate 10-15 lamponi e metteteli in un pentolino con una punta di cucchiaino di agar-agar, portate a ebollizioni e spegnete. Prendete un contagocce o una siringa senz’ago, aspirate il succo di lamponi, e versatelo goccia a goccia nell’olio.

Dopo pochi istanti le gocce dovrebbero solidificare e iniziare ad accumularsi sul fondo del bicchiere. Ottenuta la quantità desiderata, rimettete il bicchiere in frigorifero per almeno 10 minuti.

In seguito versate l’olio in un colino così da separare le perle di lampone che verserete poi in una ciotola piena d’acqua per separare tutto l’olio. A questo punto il caviale è pronto e se non lo usate subito, rimettetelo in frigorifero.

Preparazione dei piatti

Pomodoro datterino farcito con riso venere, gambero al vapore, e basilico.

DSC_0305

Vi serviranno: un pomodorino, riso venere non marinato, 2 gamberi al vapore, una foglia di basilico. Prendete un pomodorino ripieno di riso venere e adagiatelo su un piattino da finger-food circondandolo con il gambero e aggiungendo una foglia di basilico.

DSC_0427

Riso venere marinato con gambero al vapore

Vi serviranno: riso venere marinato, 2 gamberi al vapore. Disponete un po’ di riso venere marinato in un cucchiaio, compattate bene in modo da formare una piccola montagnola e adagiatevi sopra un gambero cotto al vapore.

DSC_0348

Fetta di lime con spolverata di zucchero di canna e gambero crudo e ghiaccio tritato (piattino)

Vi serviranno: 2 gamberi crudi, 2 fette di lime, ghiaccio, zucchero di canna q.b. Tagliate una fetta sottile ma non troppo di lime e adagiatela su un po’ di ghiaccio tritato su un piatto. Spolverate di zucchero di canna e adagiatevi sopra un gambero crudo.

DSC_0435

Nido di spaghettini di riso con sughino e scampo.

Vi serviranno: 2 scampi, spaghettini di riso, sugo di pomodoro piccante, basilico. Prendete uno scampo cotto a vapore, pulitelo lasciandogli l’ultima sezione di carapace e la coda.

Avvolgete gli spaghettini al pomodoro già preparati attorno allo scampo e posizionatelo in un piattino con la coda rivolata verso l’alto. Guarnite con una fogliolina di basilico fresco e servite.

DSC_0415

Gambero al vapore e cubetto di riso venere su marmellata piccantina di pomodoro datterino

Vi serviranno: 2 gamberi al vapore, marmellata di pomodoro piccante, riso venere non marinato. Prendete il piattino con la salsina di pomodoro addensata e disponetevi sopra la formina di riso venere e un gambero cotto al vapore.

Usate la fantasia per la disposizione, i colori renderanno il piatto ancora più vivace.

DSC_0389

DSC_0402 DSC_0405

Spiedino di gamberi in crosta di spaghettini di riso da intingolare in sughino di pomodoro piccante

Vi serviranno: 3 gamberi crudi, spaghettini di riso, olio di semi di arachidi, salsa di pomodorini piccante. Prendete lo spiedino avvolto negli spaghetti di riso che avete già preparato e friggetelo in olio si semi di arachidi.

L’ideale poi è servirlo accompagnato da salsa di pomodorini piccante.

DSC_0378

Crocchetta di riso venere marinato e gambero cotto al vapore

Vi serviranno: riso venere marinato, 1 uovo, 2 gamberi al vapore, prezzemolo, pangrattato, olio di semi di arachidi, salsa di pomodorini piccante. Sbattete un uovo e dividetelo in due parti. Impastate il riso con metà dell’uovo, prezzemolo tritato e pangrattato fino ad ottenere una consistenza tale da farne delle pallette.

Formate quattro pallette mettendo all’interno mezzo gambero al vapore, passatele due volte nell’uovo e nel pangrattato e friggete in olio di semi di arachidi. Servite accompagnando con salsa di pomodorini piccantina.

DSC_0387 DSC_0407

Granitina di prosecco con caviale di lamponi

Vi serviranno: granita di prosecco, caviale di lamponi. Disponete il prosecco ghiacciato in un bicchiere ampio da cocktail e cospargete di perline di lampone.

DSC_0446

Flute di prosecco con caviale di lamponi

Vi serviranno: prosecco, caviale di lamponi.
Mettete un po’ di perline di lampone in un flute e versateci sopra il prosecco. Le bollicine muoveranno le perle nel bicchiere creando un effetto molto dinamico, simile alle vulcano-lamp degli anni ‘70!

DSC_0363

Ed ecco la fotografia che sicuramente conoscete se ci avete seguito su Magnabook, con il piatto degustazione al completo. Un piatto colorato che, a nostro parere, è perfetto per una serata romantica e frizzante!

DSC_0449

9054 amici sono stati qui 3 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

2 commenti

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

  facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: