locali ricette

I wurstel di Walter & Michi’s Würstelstand e le nostre rivisitazioni

Wurstel street-food!

Questo post racconta di come, usciti dal BioLife/Nutrisan 2013 dello scorso novembre, ci siamo avventurati per il centro di Bolzano alla ricerca di uno dei must dello street-food italiano e di come abbiamo fatto tesoro dei prodotti di quella terra.

La guida Gambero Rosso allo street-food sinteticamente ci dava un indirizzo e qualche nozione sul chiosco, consigliando anche cosa assaggiare, così ci siamo messi sulle tracce del chiosco di wurstel Walter & Michi’s Würstelstand.

Walter & Michi’s Würstelstand wurstel

Per noi italiani probabilmente il wurstel è associato al cosiddetto junk-food, roba da fast food, di scarsa qualità magari, ma per i tirolesi la cosa è ben diversa, le loro salsicce tradizionali sono un piatto buono, di certo non magro (ma cosa lo è, tra i derivati del Signor Maiale?) e che si trova tranquillamente nelle macellerie artigianali sotto casa. Inutile aggiungere che non hanno niente in comune con ciò che si trova confezionato nei supermercati: sono molto, ma molto più buoni!

Walter & Michi’s Würstelstand wurstel

Il chiosco è una presenza fissa dal 1921 e gli attuali gestori, la famiglia Egger, marito e moglie, dal 2000 occupano questa perfetta posizione, lungo la centralissima via Goethe, di fronte alla grande birreria della Forst (Forsterbräu Central) e a pochi passi dal mercato di Piazza Erbe.

Walter & Michi’s Würstelstand wurstel

Noi abbiamo potuto conoscere personalmente solo Walter, persona sicuramente simpatica e disposta a scambiare quattro chiacchiere sulla sua attività anche con due curiosi rompiscatole come noi, mostrandoci una foto di inizio ‘900 dove si vede un chiosco montato su carretto nella stessa posizione, a testimoniare il legame con la tradizione e svelandoci anche dove si riforniscono delle loro squisite salsicce!

Walter & Michi’s Würstelstand wurstel

Alla fine noi abbiamo preso il meraner, il più classico, con un’altrettanta classica senape, di cui però non abbiamo chiesto le origini, anche se nella zona se ne producono di ottime!

Walter & Michi’s Würstelstand wurstel

Adesso vorrete sapere però da dove vengono questi fantastici wurstel, vero? Vi accontentiamo subito. Walter e Michi si riforniscono dalla macelleria degli Egger, poco distante in Piazza Erbe, negozio di famiglia diviso tra macellaria, gestita dai genitori dal 1969, e punto vendita di prodotti tipici gestito dal figlio. Ovviamente non potevamo venire via a mani vuote e abbiamo acquistato una confezione di meraner.

Walter & Michi’s Würstelstand wurstel

Se vi trovate a passare da Bolzano, quindi, mangiate un wurstel da Walter e sua moglie Michi, non solo vi farete uno spuntino tipico tirolese, ma assaggerete un pezzo di storia di Bolzano!

DSC_0918-2

Le nostre rivistazioni dei wurstel sud-tirolesi

Secondo voi, potevamo fermarci qui? Certo che no! La bella esperienza meritava una degna conclusione con tributo.

fingerfood wurstel

Siamo partiti dai meraner della macelleria Egger e dall’ottima senape bavarese acquistata al BioLife e li abbiamo declinati in tanti modi diversi sul tema del finger food e dello streetfood. Abbiamo aggiunto altri prodotti tipici della cucina alto atesina come il cren e i crauti e abbiamo preparato:

  • Bicchierino di crauti e cren con wurstel
  • Mini piadina con wurstel, senape e porro
  • “Lecca-lecca” di wurstel e pasta sfoglia
  • Cono di wurstel e verdure pastellate e wurstel (cavolfiore, patate, sedano rapa) allo zenzero
  • Cucchiaio di crema di patate, wurstel, cipolla rossa e paprika
  • Bignè ripieni di crema di patate, wurstel e parika
  • Fagottini di pasta fillo ripieni di wurstel e cipolla con crema di patate e senape

Bicchierino di crauti e cren con wurstel

senza glutine_smalloksenza latticini_smalloksenza lievito_smalloksenza uova_smallok

fingerfood wurstel

Innanzitutto bisogna preparare i crauti, noi li facciamo così:

  • 1 verza
  • 1 bicchiere di aceto bianco di vino
  • 1 cipolla
  • olio e.v.o.
  • 2 costine o ossi di maiale
  • brodo vegetale
  • 2-3 cucchiai di passata di pomodoro
  • 1 cucchiano di zucchero
  • sale e pepe

Prendete una verza, tagliatela a pezzi non troppo piccoli, mettetela in una pentola con 1 bicchiere di aceto e fatela cuocere coperta per circa mezz’ora a fuoco vivo. Scolate la verza e mettetela da parte.

In una padella mettete un filo d’olio e.v.o.  e scottate leggermente una cipolla tagliata fine, senza rosolarla. Aggiungete la verza, le costine, il dado, la salsa di pomodoro, lo zucchero per correggere l’acidità. Far bollire a fuoco basso e al coperto per circa 3 ore in una pentola spessa. Aggiustate di sale e pepe.

Pronti i crauti, disponeteli sul fondo del bicchiere. Tagliate un wurstel in pezzi di pochi cm di lunghezza, grigliateli leggermente e tagliatelo a “polipetto”, ossia in quattro parti ma lasciando intera un’estremità. Disponete al centro dei crauti una pallina di cren e il wurstel sul bordo del bicchiere come da foto.

Mini piadina con wurstel, senape e porro

senza latticini_smalloksenza pomodoro_smalloksenza uova_smallok

fingerfood wurstel

La mini piadina l’abbiamo preparata tagliando con un coppapasta di circa 10 cm di diametro una piadina, abbiamo spennellato una metà con la senape disposto all’interno un pezzo di wurstel passato in padella. Chiudete poi con un filo di porro e ripassate di nuovo in padella per rendere croccante la piadina.

Lecca-lecca di wurstel e pasta sfoglia

senza latticini_smalloksenza pomodoro_smallok

fingerfood wurstel

I lecca lecca sono davvero facili. Arrotolate un pezzo di wurstel lungo 6-8 cm in una striscetta di pastasfoglia avendo l’accortezza di lasciare sporgere le estremità. Infornate nel forno già caldo a 180° fino a che la sfoglia non si è indorata. Tirateli fuori e terminateli inserendo uno stecco ad una estremità, ottenendo dei praticissimi snack da passaggio, ideali da intingere nella senape.

Cono di wurstel e verdure pastellate e wurstel (cavolfiore, patate, sedano rapa) allo zenzero

senza glutine_smalloksenza latticini_smalloksenza pomodoro_smallok

fingerfood wurstel
sedano rapa calendario del cibo italiano aifb

Il cono da passeggio può diventare il modo per servire le verdure ai più piccoli in un modo diverso e divertente. Potete usare quello che volete, dalle carote alle cipolle, dai broccoli ai cavolfiori ai vari tuberi e radici. Noi abbiamo usato sedano rapa, cavolfiore e patate, a cui abbiamo mischiato bastoncini di wurstel passati alla piastra. La nostra pastella è una rivisitazione della tempura giapponese, per farla prendete:

  • 2 tuorli
  • 400 cc di birra fredda (gluten-free in caso di celiachia)
  • 180 g di farina tipo “00″ + eventuali aggiunte (per i celiaci un’ottima alternativa è la farina di riso)
  • 40 g di maizena
  • Zenzero fresco tritato a piacere
  • olio di semi di arachide per friggere

fingerfood wurstel

Tagliate le verdure a listarelle, tipo patatine fritte, magari usando una mandolina (date un’occhiata qui) con lama ondulata, immergetele nella pastella e friggetele ( Se cliccate qui, scoprirete i segreti di un fritto perfetto!). Allo stesso modo tagliate i wurstel e passateli sulla bistecchiera o in padella. Servite il tutto in un cono di carta paglia, magari accompagnato da maionese al cren (maionese e cren in parti uguali) o senape.

fingerfood wurstel

Per le preparazioni con la crema di patate, lessatene qualcuna in acqua bollente e successivamente schiacciatela come per fare un purè, aggiungendo un pizzico di sale. Voledo potete anche armonizzarle con qualche erbetta.

Cucchiaio di crema di patate, wurstel, cipolla rossa e paprika

senza glutine_smalloksenza latticini_smalloksenza lievito_smalloksenza pomodoro_smalloksenza uova_smallok

fingerfood wurstel

Procuratevi della paprica e delle cipolle rosse. Sminuzzate le cipolle e fatele caramellare in padella. Tolte le cipolle, nella stessa padella fate saltare i wurstel tagliati a rondelle, o mezze rondelle se preferite. A questo punto con la sac-a-poche e punta a stella riempite il cucchiaio con la crema di patate, disponetevi sopra le cipolle e le rondelle di wurstel e spolverate con la paprica.

Bignè ripieni di crema di patate, wurstel e parika

senza latticini_smalloksenza pomodoro_smallok

fingerfood wurstel

Fare i bignè non è difficile (in questo articolo vi spieghiamo come). Togliete la parte sommitale e se necessario svuotateli. Tritate i wurstel con un mixer, riempite i bignè con la crema di patate usando una sac-a-poche e guarnite con il trito di wurstel e la paprica. Appoggiate infine il coperchietto di pasta che avete rimosso in precedenza.

Fagottini di pasta fillo ripieni di wurstel e cipolla con crema di patate e senape

senza latticini_smalloksenza lievito_smalloksenza pomodoro_smalloksenza uova_smallok

fingerfood wurstel

Dulcis in fundo, prendete un foglio di pasta fillo di circa 15 di lato e adagiatevi all’interno la crema di patate e le cipolle (preparate come abbiamo visto sopra per i cucchiai) i wurstel e un pochino di senape. Ripiegate il foglio su se stesso ottenendo un triangolo. Cercate di essere rapidi perché la pasta fillo secca piuttosto rapidamente. Se dovesse risultarvi troppo sottile, usate due fogli sovrapposti.

fingerfood wurstel

Se volete saperne di più sui wurstel sud-tirolesi, vi suggeriamo questi link:

http://www.altoadige-suedtirol.it/prodotti_tipici/gastronomia/wuerstel/index.php

http://www.altoadige-suedtirol.it/prodotti_tipici/gastronomia/wuerstel/tipi_di_wuerstel.php

Con questi finger-food partecipiamo al contest di Elena di Zibaldone Culinario e Cinzia di Cinzia ai fornelli:

finger .001

4588 amici sono stati qui 1 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

7 commenti

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

  • Ciao, sono Elena, del contest Fingerfood, ti ringraziamo di aver pensato a noi per queste bellissime ricette.
    Ti chiediamo però di scegliere due ricette tra queste bella carrellata, perchè è il limite di partecipazione, inoltre ti chiedo di inserire anche il link al mio blog… grazie e …attendo notizie sulla partecipazione.
    Complimenti!

    • Ciao Elena, la ricetta sarebbe il piatto di degustazioni, comunque se preferite avere due finger food singoli scegliamo Cono di wurstel e verdure pastellate (cavolfiore, patate, sedano rapa) allo zenzero e Cucchiaio di crema di patate, wurstel, cipolla rossa e paprika. Abbiamo aggiunto il tuo link. A presto

  • Grazie della comprensione… effettivamente tutto il piatto degustazione sarebbe molto sfizioso, ma ci è sembrato giusto nei riguardi degli altri concorrenti selezionare solo due ricette… complimenti per la scelta!
    Bolzano la conosco ben, ma dopo la lettura mi è venuta voglia di tornarci… bravissime!

  • Eccomi!!! Perdonate il ritardo ma arrivo!! Condivido con Elena che avete proposto uno sfiziosissimo piatto con degustazioni!! Bravissimi!!! Anche io avrei l’imbarazzo della scelta, grazie per la partecipazione e per la comprensione :-) Un abbraccio e complimentissimi!!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

  facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: