eventi

Le ricette con la canapa di chef Sara

Chef Sara l’abbiamo conosciuta al Salone del Gusto – Terra Madre 2014 a Torino. Dentro Gigetta, il suo chiosco montato su ruote, Sara Samuel prepara diverse ricette con la canapa, si, avete letto bene, la canapa, ma tranquilli, non ci siamo dati agli stupefacenti. La varietà di cannabis sativa utilizzata in campo tessile e alimentare ha un trascurabile contenuto di THC, il principio attivo psicotropo (e illegale) della cannabis.

ricette con la canapa sara samuel salone gusto torino 2014 terra madre

In Italia la canapa è sempre stata usata, dalla farmacia, alla cucina, all’edilizia, nel tessile. Dichiarata illegale anni fa, i semi sono stati nascosti da un piemontese.

La coltivazione non necessita di pesticidi e la pianta fresca si può consumare solo nei primi 15 giorni, poi diventa fibrosa. Dai semi tuttavia si ricavano olio, farina e latte. Il latte di canapa non va cotto, ma scaldato al massimo attorno ai 28° C. Per lavorare i semi è prima necessario decorticarli e in Italia non c’è un impianto di decorticazione per il momento, quindi la canapa coltivata in Italia è portata in Germania per la decorticazione. Tra i prodotti realizzabili con la canapa c’è la crema, ottenuta aggiungendo ai semi sale sardo, acqua e mandorle.

ricette con la canapa sara samuel salone gusto torino 2014 terra madre

Sara non coltiva da sé la canapa, ma si appoggia a diversi coltivatori tra cui uno proprio di Mantova, la nostra città, il Canapaio Mantovano, che coltiva pochi ettari di terreno appena fuori città.

Con le farine Sara realizza tante ricette, dalle crespelle alle piadine, ma per essere utilizzata, la farina deve essere tagliata, ad esempio con quella di ceci, ottenendo una base per ricette gluten free. Le ricette di Sara le trovate pubblicate sulla rubrica culinaria di Dolcevita, tra le quali un piatto gluten-free come le crespelle di farina di ceci e canapa.

ricette con la canapa sara samuel salone gusto torino 2014 terra madre

Noi abbiamo assaggiato un piadina particolare con farina di canapa e farcita con porri, topinambur, olio di nocciole e tartufo, crema di canapa e mandorle. Decisamente originale e buona, anche se non abbiamo potuto non notare il prezzo di 10 euro per quella che di fatto era una mezza piadina. D’altronde la qualità si paga, in più ci siamo resi conto da un po’ che i prezzi all’interno di fiere e saloni sono spesso superiori a quelli normali (lo abbiamo notato in diversi stand, non solo a Torino), immaginiamo anche per coprire i costi di partecipazione, tuttavia purtroppo questo non gioca molto a favore della promozione dei prodotti. Ma questa è un’altra storia.

4331 amici sono stati qui 2 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

1 commento

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

  facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: